Skip to main content

Bulldog Francese: il mini clown dagli occhi dolci

Silvia Capelli Scritto da Silvia Capelli Ultimo aggiornamento Dicembre 12, 2023

guida completa sul bulldog francese: aspetto, carattere, salute, storia, alimentazione, toelettatura e molto altro

Sei alla ricerca di un compagno a quattro zampe che unisca un aspetto irresistibile e un carattere affettuoso? Il Bulldog Francese potrebbe essere esattamente ciò che stai cercando.

Il Bulldog Francese è noto per il suo aspetto inconfondibile che attrae l’attenzione ovunque vada. 

Con il suo corpo compatto e muscoloso, la testa larga, gli occhi dolci e le orecchie da pipistrello, questo cane ha un fascino tutto suo.

In questo blog post esploreremo tutto ciò che c’è da sapere su questa affascinante razza canina, dalla sua storia unica alle sue qualità straordinarie.

Storia del Bulldog Francese

Il Bulldog Francese (o French Bulldog, Bouledogue Francese o Bouledogue Français) è un cane di taglia piccola la cui origine è ancora oggetto di controversie nel mondo della cinofilia.

La Francia se ne accredita la paternità in virtù del nome, forse a ragione. Questo cane era molto diffuso in Francia, ma non solo: il primo Club di razza fu fondato nella città di Parigi nel 1898, e la razza Bouledogue Français fu riconosciuta proprio in Francia. 

La Gran Bretagna insiste invece sia originario dell’Inghilterra, poiché deriva dal suo iconico simbolo a quattro zampe, il famoso Bulldog Inglese.

Se la nazionalità è incerta, quello che è certo è che questa razza è stata vittima di una vera a propria rivoluzione nel corso degli anni: ne è infatti stata modificata la struttura morfologica al punto tale che molti esemplari non sono più in grado di partorire da soli a causa della testa di dimensioni sproporzionate.

Taglia, forma e struttura del cranio sono molto diversi da quelli del Bulldog Francese originale, che ha cambiato totalmente aspetto negli ultimi due secoli.

Ma iniziamo dalle sue origini Inglesi. I primi Bulldog di taglia ridotta compaiono in Inghilterra per via delle scommesse di Bull Baiting, ovvero i combattimenti tra cani e animali di grossa taglia, quali tori e orsi, che erano particolarmente popolari già dal medioevo.

Quando nel 1830 il Bull Baiting fu vietato, gli scommettitori iniziarono a fare combattere i cani tra di loro, dividendoli in categorie di taglia e peso. 

Fu così che comparve sulla scena una specie di Bulldog Inglese di dimensioni ridotte, chiamato Bulldog Inglese Toy.

Successivamente, questo mini Bulldog divenne molto popolare tra le merlettaie della classe operaia, forse grazie proprio alla piccola taglia che lo rendeva poco costoso da alimentare, oltre al fatto che occupasse poco spazio nelle case anguste delle donne meno abbienti.

Sfortunatamente, la rivoluzione industriale, che fu responsabile di grandi cambiamenti e innovazioni tra la seconda metà del 1700 e la prima del 1800, fu anche causa della perdita di molti posti di lavoro per i merlettai, con una conseguente emigrazione di massa verso la Normandia.

In Francia pizzi e merletti erano ancora molto ricercati, e gli immigrati che vi si trasferirono  portarono via mare i loro Bulldog Nani.

Ed ecco che il nostro futuro Bulldog Francese inizia ad apparire nella Ville Lumière, la Parigi di fine ‘800, ricca di artisti, cabaret, caffè, ristoranti, teatri e ritrovi per gentiluomini soli. 

Tra i nottambuli che popolavano i quartieri notturni parigini durante la Belle Epoque era piuttosto comune vedere eleganti signorine scarsamente vestite che attendevano clienti all’uscita dei bordelli.

Oltre alle profonde scollature le signore in questione spesso esibivano un altro accessorio: un cane dal muso tondo e gli occhi sporgenti, che iniziò a comparire anche sulle cartoline osé stampate tra fine secolo e l’inizio di quello successivo.

Grazie all’aspetto originale e alle piccole dimensioni, questo cane divenne molto popolare, iniziando ad essere ritratto anche da artisti famosi, quali Henri de Toulouse-Lautrec.

Il passaggio dai bordelli di Parigi alle corti europee fu breve, e il Bulldog Francese divenne presto il compagno preferito delle nobili signore dell’epoca. 

La granduchessa Tatiana Nikolaevna, figlia dello zar Nicola II, aveva un amato Bulldog Francese di nome Ortipo che, sfortunatamente, si ritiene abbia subito lo stesso sfortunato destino del resto della famiglia imperiale Russa.

In America invece questi graziosi molossoidi arrivarono grazie ai turisti Americani, che li portarono con sé nelle traversate transatlantiche tra Francia e Stati Uniti.

Si dice addirittura che un Bulldog Francese fosse sul Titanic, e che il suo proprietario, il ricco banchiere Robert Williams Daniel, l’avesse assicurato per 150 sterline inglesi, all’epoca corrispondenti a circa $ 17.000 in dollari americani di oggi. 

Daniel sopravvisse all’affondamento del Titanic, mentre lo sfortunato cane, di nome Gamin de Pycombe, morì annegato insieme a ben 1500 persone circa, e ad altri 8 cani.

A salvarsi furono solo un Pechinese e due Pomerania, abbastanza piccoli da essere nascosti nella giacca dei loro proprietari.

I Bulldog Francesi come li conosciamo oggi sono il risultato di una selezione accurata e di accoppiamenti con cani di taglia più piccola, quali ad esempio il Carlino, il Boston Terrier e altre varietà di mastini.

Questa selezione, spesso sconsiderata e mirata ad ottenere esemplari sempre più piccoli, con carattere docili e con caratteristiche fisiche molto particolari (quali per l’appunto il muso schiacciato e le tipiche orecchie a pipistrello) è  iniziata verso la fine del 1800 e ha continuato ad evolvere la razza da quella che era in origine fino a quella che conosciamo oggi. 

Gli standard di razza sono stati fissati per la prima volta nel 1898, e da allora questo piccolo molossoide è diventato così popolare da essere sul podio come la razza più diffusa negli Stati Uniti, battendo l’amatissimo Labrador Retriever.

Bulldog Francese: il mini clown dagli occhi dolci in breve

Buono con i bambini 100%
Amichevole con gli animali 56%
Protettivo 96%
Facile da addestrare 45%
Ha bisogno di esercizio 43%
Amichevole con gli sconosciuti 74%
guida completa sul bulldog francese: aspetto, carattere, salute, storia, alimentazione, toelettatura e molto altro

Carattere del Bulldog Francese

Il Bulldog Francese è un cane noto per il suo carattere eccezionale che lo rende un compagno ideale sia per famiglie con bambini che per coppie e single, giovani o anziani che siano.

Una delle sue caratteristiche distintive è la sua adattabilità alla vita in appartamento. Grazie alle sue dimensioni compatte e al suo livello di energia moderato, questo cane si sente a suo agio anche in spazi ridotti, il che lo rende una scelta popolare per chi vive in città.

Quando si tratta di tolleranza, il Bulldog Francese è generalmente amichevole e affettuoso nei confronti dei bambini. 

Questi piccoli molossoidi sono noti per essere cani pazienti e amorevoli, e possono essere compagni ideali per le famiglie numerose. 

Nella socializzazione con estranei, il Bulldog Francese tende a essere cordiale, anzi, decisamente amichevole. 

E’ socievole e ama accogliere gli ospiti con entusiasmo, intrattenendoli con la sua innata allegria e con il suo carattere solare.

Per quanto riguarda gli altri animali, il Bulldog Francese può coesistere pacificamente con altri cani e animali domestici, a patto che siano stati adeguatamente socializzati fin da cuccioli. Come con qualsiasi cane, è importante monitorare le interazioni iniziali e promuovere una convivenza positiva.

In termini di addestramento, il Bulldog Francese è intelligente, ma può essere un po’ testardo. Questi cani sono in grado di apprendere comandi di base e comportamenti desiderati, ma richiedono costanza e motivazione, oltre al fatto che potrebbero non avere voglia di farsi educare.

Il livello di energia dei Bulldog Francese è moderato, il che li rende adatti a famiglie che non cercano un cane estremamente attivo, oppure ad anziani che cerchino un cane facile da gestire.

Tuttavia, hanno bisogno di una moderata quantità di esercizio quotidiano per mantenersi in forma e felici.

Passeggiate regolari e qualche gioco sono sufficienti per soddisfare le loro esigenze.

Per quanto riguarda la tendenza all’aggressività, il Bulldog Francese è generalmente un cane affettuoso e non tende a essere aggressivo verso le persone. 

Il Bulldog Francese di solito non mostra nemmeno una forte inclinazione a scappare, ma essendo un cane un po’ cocciuto è sempre una buona pratica mantenerli al guinzaglio durante le passeggiate all’aperto o in aree non recintate.

Infine, per quanto riguarda l’abbaio, il Bulldog Francese non è tra le razze più rumorose se addestrato adeguatamente. 

Ovviamente, come tutti i cani, abbaierà per comunicare o in risposta a stimoli esterni, ma non è un cane particolarmente vocale.

guida completa sul bulldog francese: aspetto, carattere, salute, storia, alimentazione, toelettatura e molto altro

Caratteristiche fisiche del Bulldog francese

Il Bulldog Francese è un cane molto riconoscibile, ma in questo articolo cercheremo di metterne in evidenza i tratti principali che riguardano il suo aspetto e non solo il carattere.

NB: questi sono gli standard fissati da FCI e ENCI e quindi validi per l’Europa. Standard di taglia, colore o manto sono ammessi da AKC o altre federazioni, ad esempio quella Canadese. Per maggiori informazioni controlla gli standard del paese che ti interessa.

Le foto presenti in questo sito possono rappresentare sia gli standard FCI che quelli di AKC o altre federazioni.

Standard ENCI

  • Gruppo 9 cani da compagnia
  • sezione 11 Molossoidi di piccola taglia.

Dimensioni 

Il Bulldog Francese è riconosciuto dalla FCI (Federation Cynologique Internationale) e dall’ENCI (Ente nazionale Cinofilia italiana) solo nella taglia standard.

Non esiste infatti una variante definita Bulldog francese Nano, Bulldog Francese Pocket o Bulldog Francese Toy che sia riconosciuta negli standard di razza, anche se vengono venduti esemplari sempre più piccoli con questi nomi accattivanti.

Le dimensioni ideali del cane adulto sono le seguenti:

  • Altezza al garrese del Bulldog Francese maschio adulto: da 27 a 35 cm, peso da 9 a 14 kg
  • Altezza al garrese del Bulldog Francese femmina adulta: da 24 a 32 cm, peso da 8 a 13 kg

E’ però frequente che il Bulldog Francese sia più grande, vari esemplari possono essere fuori taglia anche in eccesso.

Tipo di pelo e mantello

Il pelo del Bulldog Francese è liscio, corto e ben aderente al corpo. 

Colori

I colori accettati dalla FCI sono i seguenti:

  • Fulvo
  • Bianco/fulvo
  • Bringé, o Tigrato
  • Caille (con macchie di dimensioni importanti)

Vi sono poi due varianti di pattern:

  1. Bulldog Francese senza macchia bianca: Bringé/tigrato/brindle, bringé con tonalità scura, bringé reverse, fulvo chiaro, fulvo medio, fulvo con tonalità scura, fulvo con maschera nera, fulvo senza maschera nera.
  2. Bulldog Francese con macchia bianca: Caille con macchia bianca moderata, caille con macchia bianca invadente, caille con macchia bianca molto invadente, caille con macchia bianca interamente invadente, fulvo con macchia bianca moderata o invadente detto bianco/fulvo.

Tutti gli altri colori non sono riconosciuti e gli esemplari sono quindi considerati meticci. I più comuni sono blu (nero diluito tipo Weimaraner), grigio, esotico, nero senza sfumature, nero focato (Black and Tan, chiamato tricolor se con macchia bianca), cioccolato (o chocolate), merle, lilac (una derivazione del blu e del cioccolato).

Per vederli tutti leggi il nostro articolo sui colori del Bulldog Francese.

Corpo

La struttura fisica di questa razza è molto particolare. Pur essendo un cane piccolo il Bulldog Francese è un cane robusto, pesante e massiccio, con muscoli ben scolpiti e ben definiti.

La schiena è muscolosa e larga, mentre il dorso è piuttosto allargato. Nonostante l’aspetto paffuto e compatto di questo graziosissimo cane: è un animale corpulento e forte, più robusto di quel che può apparire a prima vista.

Testa

La testa del Frenchie è quadrata, larga e piena di rughe, con il naso largo, rialzato, molto corto e schiacciato. 

Ha occhi rotondi molto espressivi, orecchie di medie dimensioni (dette orecchie a pipistrello) naturalmente rialzate, larghe alla base e arrotondate all’estremo.

Il tartufo deve essere nero, e gli occhi tassativamente scuri. Eterocromia (occhi di colori diversi) o occhi chiari sono molto ricercati dagli acquirenti ma sono considerati un grave difetto e non sono accettati dalla FCI.

Coda

Naturalmente corta e a cavatappi.

Per saperne di più sulle caratteristiche fisiche del Bulldog Francese leggi la scheda ufficiale degli standard di razza di ENCI.

Quanto vive il Bulldog Francese?

Questo piccolo molossoide non ha un’aspettativa di vita lunghissima, e vive mediamente 10/12 anni. 

Il Frenchie più vecchio di cui si abbia notizia si chiamava Popeye, ha compiuto 18 anni, tre mesi e 8 giorni ed è morto di cancro il 15 gennaio del 2021.

guida completa sul bulldog francese: aspetto, carattere, salute, storia, alimentazione, toelettatura e molto altro

Malattie del Bulldog Francese

Dal punto di vista della salute i Bulldog Francesi non sono decisamente tra le razze più esenti da patologie congenite: l’eccessiva selezione e la caratteristica forma del muso schiacciata lo rendono un cane facilmente soggetto a malattie o patologie ereditarie.

Tra le patologie più frequenti troviamo:

  • Allergie della pelle: I Bulldog Francesi possono sviluppare allergie cutanee che causano irritazione e prurito della pelle, o dermatite.
  • Displasia dell’anca: Questo è un problema ortopedico in cui l’articolazione dell’anca si sviluppa in modo anormale, causando dolore e difficoltà nel movimento.
  • Apnee notturne: Alcuni Bulldog Francesi possono soffrire di apnee notturne, interruzioni nella respirazione durante il sonno.
  • Tendenza al rigurgito: Questa razza può avere una maggiore predisposizione al rigurgito o al vomito dopo aver mangiato.
  • Flatulenza: I Bulldog Francesi sono noti per avere la tendenza a produrre gas intestinali in modo più frequente rispetto ad altre razze.
  • Malattie dell’occhio: Queste includono glaucoma della retina, cataratta in giovane età e ulcera della cornea, che possono portare a problemi visivi.
  • Malattia di Von Willebrand: Questa è una malattia del sangue che influisce sulla coagulazione e può causare sanguinamenti e problemi di tiroide.
  • Condrodisplasia: Questo è un disturbo genetico che influisce sulla crescita delle ossa e può portare a deformità scheletriche.
  • Collasso tracheale: Questo problema respiratorio colpisce la trachea, causando difficoltà nella respirazione.
  • Sindrome del cane brachicefalo: I cani affetti presentano una deformità delle vie respiratorie superiori dovuta all’accorciamento del cranio senza una diminuzione proporzionale dei tessuti molli della testa, così come altre anomalie strutturali che coinvolgono le vie respiratorie inferiori. Come ci spiega questo studio, è correlata a varie patologie quali stenosi delle narici, palato molle, disturbi alle tonsille, collasso laringeo, problemi auricolari, ernia iatale, esofagite da reflusso, ipertensione sistemica e ipercoagulabilità.
  • Malattia del disco Intervertebrale: Questa razza è a rischio di problemi alla colonna vertebrale, tra cui la malattia del disco intervertebrale, che può portare a dolori e difficoltà motorie.
  • Mielopatia degenerativa: Questa è una malattia neurologica progressiva che colpisce il midollo spinale.
  • Sordità: La sordità, soprattutto nei cani completamente bianchi, può essere presente in questa razza.
  • Megaesofago: Questo è un disturbo dell’esofago che può portare a difficoltà nella deglutizione.
  • Lussazione della rotula: La lussazione della rotula coinvolge la dislocazione della rotula, causando dolore e zoppia.

Per saperne di più sulla salute del tuo peloso leggi la nostra guida sulle malattie del Bulldog Francese.

guida completa sul bulldog francese: aspetto, carattere, salute, storia, alimentazione, toelettatura e molto altro

Cosa mangia il Bulldog Francese?

Purtroppo questa razza ha la tendenza ad ingrassare, condizione che potrebbe peggiorare il suo già fragile stato di salute. 

Per questo motivo è indispensabile alimentarlo correttamente e nella giusta quantità.

Alimentazione del cucciolo

Il cucciolo di Bouledogue Francese dovrà essere alimentato esclusivamente con latte materno o formula fino al primo mese di età, dopo di che si potrà iniziare ad integrare con crocchette per cani piccoli di buona qualità o cibo umido per cani.

Inizialmente si dovranno somministrare 3 o 4 pasti giornalieri, per poi passare a due dopo i sei mesi di età. I cuccioli possono avere lo stomaco delicato, per cui lo svezzamento va fatto gradualmente, facendo attenzione a possibili intolleranze o allergie.

Alimentazione del French Bulldog adulto

Al raggiungimento del sesto mese di età potrai iniziare a ridurre i pasti a due al giorno, oppure continuare con i tre pasti giornalieri se ritieni sia meglio non appesantire eccessivamente il cane.

Il cibo secco deve essere di buona qualità e indicato per la razza (ce ne sono anche tipi specifici per il Bulldog Francese)

La dieta casalinga per cani

Se invece non volessi somministrare cibo industriale e volessi cucinare per il tuo cane, la scelta più indicata per la preparazione di cibo casalingo ricade su prodotti primari da somministrarsi prevalentemente bolliti.

I pasti devono contenere carboidrati, proteine e verdure nel giusto equilibrio, ed essere somministrati nella dose corretta in base a peso e dispendio di energia.

Per saperne di più su come alimentare il tuo amico nel modo più sano e gustoso leggi la nostra guida dedicata proprio all’alimentazione del Bulldog Francese.

Ci troverai la tabella di crescita, le quantità raccomandate di croccantini, le calorie giornaliere necessarie e i migliori alimenti secchi.

E per saperne di più sull’alimentazione canina in generale leggi qui:

Come cambiare alimentazione al cane senza drammi e in pochi giorni

Dieta casalinga per il cane, per un’alimentazione naturale e personalizzata

Quanto deve mangiare un cane? E quante volte al giorno?

E se hai dubbi, consulta un nutrizionista, saprà indicarti meglio cosa può mangiare il tuo Bulldog Francese e quali sono invece i cibi da evitare.

guida completa sul bulldog francese: aspetto, carattere, salute, storia, alimentazione, toelettatura e molto altro

Toelettatura del Bulldog Francese

Il pelo del Bulldog Francese è liscio e corto, ma a differenza di quello che spesso si legge online, i Frenchies perdono pelo, e ne perdono parecchio. 

Il fatto che sia corto e sottile non aiuta, per cui se non sei un amante dei cani che perdono pelo e delle spazzole necessarie ad alleviare il problema dovresti considerare un altra razza.

Spazzolatura

Per limitare la caduta, la cosa migliore è spazzolare il pelo da una a tre volte la settimana, con una di queste spazzole a scelta:

Bagno

I Bulldog Francesi sono generalmente una razza pulita. Non hanno bisogno di bagni settimanali e di solito richiedono solo un lavaggio quando sono visibilmente sporchi. 

Lavarli troppo potrebbe seccare la cute e ridurre la produzione degli oli naturali che servono a mantenerla in salute, per cui non abusare.

E soprattutto, usa solo prodotti specifici per cani e non per umani, possibilmente con formula delicata, come questi:

Procedi così:

  1. Metti delle palline di cotone nelle orecchie del cane. Bagna il pelo con acqua tiepida, facendo attenzione a non usare acqua troppo calda o fredda. 
  2. Applica lo shampoo delicatamente, evitando possibilmente tutto il muso, oltre ad occhi, orecchie e naso. 
  3. Quando l’umidità si intrappola tra le pieghe, può causare infezioni, così come eventuali prodotti per l’igiene non rimossi. Considera  piuttosto l’uso di salviette umidificate per cani per pulire le pieghe (ci sono anche delle salviettine specifiche per le pieghe dei Bulldog)
  4. Risciacqua bene per rimuovere i prodotti, che potrebbero irritare la pelle del cane. Dopo aver asciugato il tuo Frenchie, solleva le pieghe e controlla che non ci siano segni di irritazione.

E ricorda che il Bulldog Francese non può nuotare perché affonda, quindi non lasciarlo da solo in una vasca piena d’acqua quando è molto piccolo.

Come finire la toelettatura

Se vuoi completare la toelettatura del tuo Bulldog Francese assicurati di avere a disposizione:

    1. salviettine oculari o pulitore per macchie oculari 
    2. salviettine umidificanti per la pulizia delle orecchie, oppure un detergente sciogli cerume per il canale auricolare
    3. pinza per la rimozione del pelo nelle orecchie
    4. salviettine dentali da dito, se il tuo cane è restio a farsi pulire i denti con lo spazzolino e il dentifricio per cani

Le unghie troppo lunghe possono causare dolore, quindi controllare le unghie regolarmente è una parte importante della toelettatura.  

Tagliale quando sono lunghe, e assolutamente prima che inizino ad incurvarsi. Non dimenticare di tagliare lo sperone, se presente.

Un altro elemento da tenere d’occhio sono le macchie rosse o brunastre da lacrimazione sotto gli occhi, se presenti.

Di per sé non sono pericolose, ma poiché gli occhi dei Frenchie tendono ad infiammarsi assicurati di mantenerli puliti.

E anche per quanto riguarda l’igiene abbiamo una guida speciale per la toelettatura del Bulldog Francese creata apposta per te!

guida completa sul bulldog francese: aspetto, carattere, salute, storia, alimentazione, toelettatura e molto altro

Altri consigli per mantenere in forma il tuo Bulldog Francese

  1. E’ importante ricordarsi di sverminare periodicamente sia i cani cuccioli che gli esemplari adulti, in particolare se adottati da rifugi, canili o da privati.
  2. Fai attenzione ai parassiti stagionali, che possono essere molto pericolosi per la salute del tuo amico. Assicurati di effettuare la profilassi per filaria, leishmaniosi, pulci e zecche.
  3. Anche se il cane esce poco, le unghie vanno accorciate regolarmente per evitare che si faccia male quando corre. Leggi qui per sapere come fare.
  4. Questa razza è predisposta a infezioni del canale auricolare e sordità. La pulizia delle orecchie è assolutamente necessaria per evitare odori sgradevoli o patologie che possono influire anche sullo stato di salute del cane.
  5. Ricordati di controllare periodicamente lo stato delle ghiandole perianali per evitare  situazioni di disagio per il cane e cattivo odore. Per questa operazione rivolgiti al veterinario.
  6. E’ consigliabile effettuare una pulizia dentale quotidiana, o almeno ogni due giorni, per evitare problemi del cavo orale e caduta precoce dei denti. Se non riesci, opta per la Detartrasi professionale sotto sedazione quando necessario.

A chi è adatto il French Bulldog

Il Bouledogue Francese è adatto a tutti, soprattutto ai padroni più pigri, in quanto è un grande amante del divano e della casa. 

E’ un ottimo cane da compagnia anche per chi non ha esperienza in materia, poiché si addestra facilmente ed è un cane poco attivo in generale. 

A chi non è adatto il French Bouledogue

Il Frenchie è sconsigliato a chi non possa affrontare eventuali spese veterinarie, in quanto questo cane è predisposto a varie patologie ereditarie,  oltre che a occasionali disturbi comuni nel cane.

E a chi vuole un amico che lo accompagni in lunghe passeggiate a altre attività all’aperto: cammina poco, respira male e non può nuotare, per cui non è il compagno ideale per lunghe avventure in outdoor.

E infine, a chi non ha tempo da dedicare a educazione e addestramento, perché il cucciolo può essere molto vivace e potrebbe creare problemi in casa.

Domande Frequenti

Quanto costa un Bulldog Francese?

Se provvisto di pedigree il prezzo può variare dai 1300 ai 3000 euro. Essendo un cane molto richiesto tra gli animali da compagnia e appartamento se ne trovano esemplari a un prezzo molto inferiore, ma attenzione a dove lo acquisti, perché il cucciolo potrebbe non essere esente da malattie genetiche, o essere sordo.

Attenzione anche all’aspetto, perché è difficile capire se i cani giovani abbiano tutte le caratteristiche richieste dallo standard della razza.

Il Bulldog Francese perde pelo?

Si, lo perde. Non è tra i cani con la muta più importante non avendo il sottopelo, ma se vuoi un cane che lasci il tuo appartamento perfettamente libero da peli, oppure non hai tempo per fare le pulizie meglio optare per una razza a perdita zero.

Perché il mio Bulldog francese puzza?

Se per puzza intendi le classiche puzzette, il motivo è legato alla conformazione del muso che lo spinge ad ingerire molta aria durante i pasti. 

Oppure potrebbe dipendere da una dieta sbagliata. Cerca quindi di evitare cibi che possano provocare flatulenza.

La flatulenza è tipica della razze molossoidi per via della caratteristiche morfologiche comuni.

Se invece parli del pelo, potrebbe avere problemi di pelle, condizione frequente nella razza.

Le altre ragioni comuni del cattivo odore sono:

  • Alito cattivo, dovuto a scarsa igiene dentale
  • Sporco tra le pieghe del muso
  • Ghiandole perianali non svuotate
  • Orecchie sporche
  • Mantello sporco
  • Periodo del calore nella femmina

Perché il mio Bulldog Francese sbava molto?

I cani sfruttano la saliva come termoregolatore, per cui la causa più probabile è che il cane tenti di abbassare la temperatura corporea, soprattutto in estate. 

Questa è una situazione a cui fare molta attenzione, in quanto il Frenchie è particolarmente soggetto al temibile colpo di calore.

Oppure ha semplicemente la classica acquolina in bocca visto che è molto goloso. 

Se il Bouledogue Francese sbava prima di mangiare dagli un giocattolo da rosicchiare per aiutarlo a contenere l’impazienza!

E ovviamente se l’eccessiva salivazione è improvvisa e accompagnata da altri sintomi porta il cane dal veterinario.

Quando va in calore la prima volta il Bulldog Francese femmina?

Verso i 9 mesi, ma l’età può variare da cane a cane.

Come addestrare un Bouledogue Francese?

Il Frenchie non è tra i cani più ricettivi all’addestramento ma se avrai pazienza imparerà come tutti gli altri. Inizia con i comandi di base quali:

  • Seduto
  • A terra
  • Vieni
  • Stop o Fermo

Impartisci i comandi gentilmente durante una passeggiata in un posto tranquillo e usa sempre lo stesso termine per ogni comando. Premia l’animale con uno snack e una carezza quando ubbidisce.

30 minuti sono più che sufficienti, oltre la mezz’ora il cane perderebbe interesse.

Per sapere come addestrarlo al meglio leggi la nostra guida Addestramento cani: guida completa per principianti

Perché il mio Bulldog Francese russa?

Anche questo problema è legato alla conformazione di cranio e muso, che rendono la respirazione difficile durante la fase del riposo. 

Se le apnee sono prolungate o ci sono problemi respiratori è meglio rivolgersi al veterinario per ulteriori consigli in merito.

Il Bulldog Francese soffre il caldo?

Si, poiché fa fatica a respirare e a disperdere il calore dal corpo, ed è quindi soggetto a colpo di calore. Per sapere come intervenire se ne fosse colpito leggi qui!

Il Bouledogue Francese può mangiare il melone?

Si, e anche l’anguria, ma senza esagerare! Frutta e verdura possono sostituire i classici snack per cani se l’animale li gradisce.

Il Bulldog Francese può mangiare il pane?

L’ingestione del pane non lo uccide, ma gli fa male e soprattutto provoca flatulenza, per cui cerca di fargliene mangiare il meno possibile.

Altri articoli che potrebbero interessarti

23 curiosità e fatti sul Bulldog Francese che ti lasceranno a bocca aperta!

Scopri come togliere i peli del cane dai vestiti in lavatrice!

Come togliere l’odore di pipì del cane: i trucchi dei professionisti

Nota dell’autore

Invito tutti i lettori a condividere la loro esperienza su questo argomento nella sezione dei commenti. 

Qualunque informazione che vorrete condividere su salute, carattere, prodotti e consigli sull’educazione o sulla dieta ci aiuteranno a creare una grande community di padroni che non solo amano i cani, ma che sanno anche come gestirli al meglio.

Dallo Staff di Khani.it

Se questo post ti è stato utile e vuoi saperne di più sulla cura, sul benessere e sull’educazione del cane saremo felici di aiutarti. Trova qui tante informazioni utili per capire al meglio il tuo amico del cuore.

Disclaimer

Le informazioni riportate nel nostro sito sono di carattere generale e non sostituiscono in alcun modo il parere del veterinario o di esperti di settore. Per qualunque dubbio rivolgiti sempre al veterinario.

Solo perché tu lo sappia, potremmo raccogliere una piccola commissione o altri compensi dai collegamenti presenti in questa pagina e nel sito in generale, senza alcun costo aggiuntivo per te. Clicca sul link in rosso per scoprire i nostri prodotti preferiti!

Fonti

​​French Bulldog History: A Complicated Past From Brothels to Royals

Leave a Reply