Skip to main content

Mettere il Microchip al cane: guida completa e domande frequenti

Silvia Capelli Scritto da Silvia Capelli Ultimo aggiornamento Ottobre 13, 2023

mettere il microchip al cane

Se possiedi un pelosetto ovviamente sai anche che il sistema di identificazione del cane che corrisponde alla nostra carta di identità si chiama Microchip.

Questo prezioso e microscopico strumento ha permesso che molti cani scappati o persi siano stati riuniti con la propria famiglia.

Oppure che ex padroni che hanno cercato di sbarazzarsi del proprio quattrozampe siano stati identificati e puniti secondo le normative legali in vigore.

Ma per poterlo utilizzare nel modo corretto bisogna conoscerne bene uso e funzionalità, oltre a come gestire o cambiare i dati immessi in archivio per il cane.

Vediamo quindi di spiegare in modo semplice e chiaro cos’è il Microchip, come funziona e come utilizzarlo.

Continua a leggere per trovare anche le risposte alle domande più frequenti dei nostri lettori, che probabilmente saranno anche le tue.

Cos’è il Microchip per cani?

Il Microchip per cani è un piccolo dispositivo elettronico, delle dimensioni di un chicco di riso.

Ogni microchip contiene un codice numerico univoco che identifica in modo specifico il cane.

Questo codice viene memorizzato nella memoria del microchip e viene trasmesso al lettore quando il microchip viene attivato.

Com’è fatto il Microchip per cani?

Il microchip per cani è un piccolo dispositivo elettronico compatto, solitamente della forma di un cilindro o una capsula. 

Il microchip è racchiuso in un guscio protettivo realizzato in materiale biocompatibile, come il vetro o il polimero, che è sicuro per il corpo del cane. 

Questo guscio protegge il circuito elettronico interno del microchip una volta inserito.

All’interno del guscio, il microchip contiene una scheda di circuiti elettronici.

Questi circuiti comprendono un microprocessore, una bobina antenna e una memoria che contiene il codice univoco associato al microchip.

La bobina antenna del microchip è responsabile della trasmissione e della ricezione delle onde radio per comunicare con i lettori di microchip. 

La bobina antenna si trova all’interno del guscio del microchip e viene attivata quando viene rilevato un segnale radiofrequenza del lettore.

Quali sono le dimensioni del Microchip del cane?

I microchip per cani hanno dimensioni standardizzate per garantire la compatibilità con i lettori di microchip. Le dimensioni tipiche del microchip per cani sono:

  • Lunghezza: Solitamente i microchip hanno una lunghezza di circa 12-14 millimetri.
  • Diametro: Il diametro del microchip è di solito di circa 2 millimetri.
come funziona il microchip del cane

A cosa serve il Microchip per cani?

​​Il microchip serve come metodo di identificazione permanente per il cane.

Il codice univoco associato al microchip è registrato nel database di un’organizzazione o di un registro nazionale dei microchip per cani. 

Questo consente di collegare l’animale ai suoi dati di identificazione, come il nome del proprietario, l’indirizzo di contatto e altre informazioni importanti. 

E di conseguenza, permette di rintracciare il proprietario e di riunire il cane perso con la propria famiglia.

Come funziona il Microchip per cani?

Il microchip per cani è un dispositivo elettronico passivo che funziona tramite la tecnologia RFID (Radio Frequency Identification)

Ogni microchip ha un codice numerico univoco associato ad esso. Questo codice è immagazzinato nel microchip stesso e non può essere modificato. Il codice è in genere composto da una sequenza di numeri e lettere, che si possono leggere utilizzando uno strumento apposito.

Come si legge il Microchip per cani?

Per leggere il microchip, viene utilizzato un lettore di Microchip. Il lettore emette un segnale a radiofrequenza che attiva il microchip. 

Una volta attivato, il microchip trasmette il suo codice univoco al lettore.

Il lettore di microchip visualizza il codice numerico univoco associato al microchip sul display del lettore. 

Questo codice può essere registrato e confrontato con un database di registrazioni di microchip per recuperare le informazioni del cane, come il nome del proprietario, l’indirizzo e il numero di contatto.

Come si mette il Microchip al cane?

Il processo di impianto del microchip al cane è un procedimento semplice e indolore. 

L’impianto del microchip viene generalmente eseguito dal veterinario ed è un procedimento semplice e sicuro.

Il veterinario preparerà l’area di impianto del microchip, di solito nella zona del collo del cane. Pulirà la zona con un disinfettante per garantire l’igiene.

A seconda delle preferenze del veterinario e delle esigenze del cane, al tuo cucciolo potrebbe essere somministrata una leggera anestesia locale per minimizzare qualsiasi fastidio durante l’impianto del microchip. 

In alcuni casi, l’impianto può essere effettuato senza anestesia.

Il veterinario userà una siringa apposita per inserire il microchip sotto la pelle del cane. L’inserimento avviene tramite un ago sottile, e il microchip viene posizionato in una posizione specifica, solitamente tra le scapole o nel collo del cane. 

Il processo è rapido e può richiedere solo pochi secondi.

Dopo l’inserimento del microchip, il veterinario verificherà con un lettore di microchip che il dispositivo sia stato correttamente posizionato e che possa essere letto correttamente.

Successivamente, sarai tu a dover registrare il microchip con le informazioni del cane e del proprietario presso un registro nazionale dei microchip per cani. 

Il veterinario ti fornirà le istruzioni e la documentazione necessaria per completare la registrazione.

Quanto costa mettere il Microchip ad un cane?

Il costo per impiantare il microchip a un cane può variare in base a diversi fattori, tra cui la regione in cui ti trovi, la struttura veterinaria e l’eventuale inclusione di servizi aggiuntivi. 

In media, il prezzo del del microchip del cane con impianto può variare tra 20 e 50 euro, in base al costo dell’inserimento da parte della clinica. 

Questo prezzo solitamente include il microchip stesso, oltre all’impianto da parte di un veterinario. 

Alcuni veterinari possono offrire pacchetti che includono anche la registrazione del microchip presso un registro nazionale o locale.

Se questo non succede, potrebbero esserci costi aggiuntivi per servizi opzionali come la registrazione del microchip, l’aggiornamento delle informazioni o altri servizi correlati. 

Microchip ASL gratis

Rivolgendoti ai servizi Veterinari ASL potrai avere il Microchip gratis, a condizione che il cucciolo abbia meno di due mesi di età.

Se questo non succede, dovrai tassativamente rivolgerti ad un veterinario indipendente, pena una costosa multa da parte di ASL!

quanto costa un microchip per cani

Quanto costa mettere il Microchip ad un cane?

Il costo per impiantare il microchip a un cane può variare in base a diversi fattori, tra cui la regione in cui ti trovi, la struttura veterinaria e l’eventuale inclusione di servizi aggiuntivi. 

In media, il costo per l’impianto del microchip a un cane può variare tra 20 e 50 euro, in base al prezzo dell’inserimento da parte della clinica. 

Questo prezzo solitamente include il microchip stesso, oltre all’impianto da parte di un veterinario. 

Alcuni veterinari possono offrire pacchetti che includono anche la registrazione del microchip presso un registro nazionale o locale.

Se questo non succede, potrebbero esserci costi aggiuntivi per servizi opzionali come la registrazione del microchip, l’aggiornamento delle informazioni o altri servizi correlati. 

Microchip ASL gratis

Rivolgendoti ai servizi Veterinari ASL potrai avere il Microchip gratis, a condizione che il cucciolo abbia meno di due mesi di età.

Se questo non succede, dovrai tassativamente rivolgerti ad un veterinario indipendente, pena una costosa multa da parte di ASL!

Come si registra il cane una volta messo il Microchip?

Prima di registrare il microchip del tuo cane, raccogli tutte le informazioni richieste.

Queste informazioni potrebbero includere il tuo nome, indirizzo, numero di telefono, informazioni sul cane come il nome, la razza, l’età e il sesso, oltre al codice del microchip stesso.

Generalmente è il veterinario, una volta messo il Microchip, a registrare il tuo cane all’anagrafe canina.

Ma se invece devi farlo tu, ad esempio per un passaggio di proprietà, dovrai recarti all’ASL con cucciolo (in alcune strutture anche senza!), certificato di applicazione del Microchip, dichiarazione di cessione e copia del documento d’identità di ambedue le parti.

Tieni però presente che ogni regione potrebbe avere normative leggermente diverse, quindi informati presso l’ASL della tua zona prima di andarci.

Il Microchip serve ad impedire il furto del cane?

Purtroppo, il furto di cani è un problema reale e il microchip non impedisce in modo diretto il furto del cane stesso. 

Tuttavia, il microchip può svolgere un ruolo importante nel recupero del cane se viene perso o rubato.

Domande frequenti sul Microchip per cani

E come promesso, ecco una raccolta delle domande più frequenti che ci vengono rivolte dai nostri lettori:

E’ obbligatorio il Microchip per i cani?

Sì, in Italia il Microchip per i cani è obbligatorio secondo la legge. Secondo il Decreto Legislativo n. 529/1992, tutti i cani devono essere identificati mediante l’impianto di un Microchip sottocutaneo. 

L’obbligo si applica a tutti i cani, indipendentemente dalla razza o dal tipo, e anche dall’età.

Pertanto, se possiedi un cane in Italia, è obbligatorio che venga impiantato un microchip sottocutaneo da un veterinario abilitato. 

Dovrai poi registrare il microchip e le relative informazioni presso il Sistema Informativo Cani e Gatti (SICG) o presso un registro autorizzato.

Le sanzioni per mancata iscrizione all’Anagrafe canina regionale possono arrivare a circa 250 Euro. 

Così come le sanzioni per mancata applicazione del microchip entro il secondo mese di vita del cane.

Per saperne di più puoi consultare qui il sito dell’anagrafe canina e richiedere informazioni specifiche sulla tua regione o sul comune di appartenenza.

a che eta mettere il microchip al cane

Mettere il Microchip al cane è doloroso?

In linea di massima no, l’impianto del microchip è generalmente ben tollerato dai cani e il disagio è minimo. 

Dopo l’impianto, il cane può tornare alle sue normali attività senza restrizioni, non ci sarà sanguinamento e il cane non mostrerà nessun tipo di sintomo.

Se ti accorgi che il cane sta male o appare letargico consulta il veterinario.

Se però il Microchip viene inserito in corrispondenza con la somministrazione dei vaccini o della sterilizzazione, il cane potrebbe sentirsi stanco o essere letargico a causa dell’iniezione o dell’operazione, e non del Microchip.

A quanti mesi si mette il Microchip al cane?

Se stai facendo questa domanda perché hai appena adottato un cucciolo, il momento migliore per impiantare il microchip al cane è intorno alle 8 settimane di età.

Tuttavia, l’età ideale può variare a seconda del paese e delle normative locali. 

Alcuni paesi richiedono che i cani siano microchippati prima di essere ceduti ai nuovi proprietari o entro un certo periodo di tempo dopo la nascita. 

Ma si può mettere il Microchip a qualunque età, e fondamentalmente nulla cambia tra l’inserimento nei primi mesi di vita e quello in età geriatrica.

Posso mettere il Microchip al cane adulto?

Ovviamente sì, è possibile impiantare il microchip anche in un cane adulto o anziano, non è mai troppo tardi per farlo. 

Anche se è più comune impiantare il microchip nei cuccioli o nei cani giovani, non solo non ci sono restrizioni specifiche sull’età per l’impianto del Microchip, ma nella maggior parte dei paesi il microchip è obbligatorio per legge.

Se avessi adottato un cane adulto o anziano in un paese in cui il microchip non è obbligatorio o lo hai trovato non chippato, dovrai comunque mettere il microchip, qualunque sia l’età presunta del trovatello.

Come si fa il cambio di proprietario col Microchip del cane?

Per cedere il cane con Microchip  ad un’altra persona, va fatta segnalazione del passaggio di proprietà al comune di residenza entro 15 giorni dalla data della cessione.

Il passaggio va firmato dal nuovo e dal vecchio proprietario e c’è una piccola tassa inferiore ai 10 Euro per la notifica della cessione.

microchip gps cane

Posso acquistare un Microchip per cani con GPS?

Se per Microchip per cani intendi un microchip sottocutaneo che permetta di tracciare i movimenti del tuo cane, la risposta è no. 

L’attuale tecnologia non permette di tracciare i cani con il solo microchip sottocutaneo.

Potrai però acquistare un localizzatore GPS per cani che ti permetterà di ritrovare il cane grazie ad un’applicazione per smartphone.

Il localizzatore GPS per cani è un dispositivo esterno che si attacca al collare o alla pettorina.

Ce ne sono tantissimi modelli, compatibili con i vari sistemi operativi, e spesso hanno un costo di abbonamento mensile.

Tra i più venduti senza abbonamento ci sono sicuramente gli Airtag, che però funzionano solo con il sistema operativo IOS. Se hai un appel sono i migliori, funzionano a distanza e sono molto piccoli. Si attaccano al collare o alla pettorina con un porta Airtag per collare (ce ne sono di tutti i tipi, colori e prezzi) e possono essere nascosti all’interno della pettorina, così che se il cane viene rubato magari avrai un po’ di tempo extra per localizzarlo.

Se invece preferisci un tracker con abbonamento, il migliore in assoluto è Tractive, che ha un raggio illimitato e funziona anche con i cellulari Samsung o altri.

Unico inconveniente: è un po’ grande, ma esiste in dimensioni diverse. Quella standand è per cani sopra i 4 kg, ma c’è anche un modello per gatti ideale per cani più piccoli, uno mini perfetto per chihuahua e yorkshire e anche uno per cani taglia XL!

Un trucchetto: se non riesci a metterlo sul collare crea una pochette da cucire sulla pettorina, in un punto della schiena che non disturbi il cane, e mettilo dentro quando esci a passeggiare.

Ma attenzione! I localizzatori GPS non sono tutti uguali, e il fatto che AirTag non abbia l’abbonamento mensile non significa sia migliore, anzi, tutto il contrario!

Se il tuo cane ha la tendenza a scappare meglio scegliere un collare con Microchip per cani come il Tractive.

Per saperne di più su come funzionano i localizzatori GPS e quale scegliere leggi il nostro articolo: Localizzatori GPS per cani: come funzionano e come sceglierli

Il microchip del cane scade?

No, il Microchip del cane non ha una data di scadenza, è un dispositivo passivo e non contiene batterie o componenti che si deteriorano nel tempo, per cui rimarrà funzionante per tutta la vita del cane.

A scadere sono invece le informazioni associate al microchip, che  possono diventare obsolete nel corso del tempo. 

Ad esempio, se hai cambiato indirizzo di residenza o numero di telefono, potrebbe essere necessario aggiornare le informazioni nel registro del Microchip per assicurarti che siano corrette e aggiornate, così come dopo un passaggio di proprietà. Ma il Microchip del cane dura per tutta la vita!

Come posso cambiare le informazioni del Microchip del mio cane?

Per cambiare le informazioni associate al microchip del tuo cane, dovrai contattare il registro del microchip o l’ente responsabile dell’anagrafe canina nella tua regione. 

Di solito viene richiesto il numero di identificazione del microchip del tuo cane e delle informazioni aggiornate che desideri inserire nel database.

Prepara le informazioni aggiornate che desideri inserire nel database, ovvero nome, indirizzo, numero di telefono e altre informazioni di contatto, oltre ai dettagli del cane come il nome, la razza, la data di nascita, ecc.

Comunica poi con l’ente responsabile dell’anagrafe canina o del registro del microchip attraverso i canali appropriati. 

Potresti dover compilare un modulo di modifica delle informazioni o inviare una richiesta specifica tramite e-mail, posta o tramite il loro sito web, a seconda delle istruzioni fornite dall’ente.

Dopo aver inviato la richiesta di modifica delle informazioni, dovresti ricevere una conferma dell’aggiornamento. Assicurati di conservare questa conferma per eventuali riferimenti futuri.

Alcune organizzazioni o registri di microchip per cani possono richiedere il pagamento di una tassa annuale o un rinnovo per mantenere le informazioni del microchip attive e accessibili nel loro database. 

Assicurati di verificare con il registro del microchip o l’organizzazione pertinente per le loro politiche e requisiti specifici.

microchip del cane si sposta

Il Microchip del cane si sposta?

Il microchip per cani è progettato per rimanere al suo posto una volta impiantato sotto la pelle del cane, grazie anche alla sua forma particolare che aiuta a prevenire lo spostamento. 

Inoltre, il tessuto cicatriziale che si forma attorno al microchip dopo l’impianto contribuisce a mantenerlo stabile nel suo posizionamento originale.

Tuttavia, è importante tenere presente che il microchip può subire uno spostamento molto lieve nel corpo del cane nel corso del tempo. 

Ciò potrebbe accadere a causa delle attività quotidiane del cane, come saltare, correre o graffiarsi.

Per ridurre al minimo il rischio di spostamento del microchip, è consigliabile seguire le linee guida del veterinario dopo l’impianto. 

Questo potrebbe includere limitare l’attività del cane per un breve periodo dopo l’impianto del microchip e monitorare l’area di impianto per eventuali segni di irritazione o dolore.

Il Microchip del cane si sente al tatto?

Il microchip per cani è generalmente molto piccolo e sottile, e viene impiantato sotto la pelle del cane. Di solito, non è possibile sentirlo al tatto in modo evidente. 

La presenza del microchip può essere percepita solo in alcuni casi, ad esempio se il cane è particolarmente sottile o se il microchip si è spostato leggermente dalla sua posizione originale.

Se noti una protuberanza o un rigonfiamento nell’area in cui è stato impiantato il microchip, o se hai dubbi sulla sua posizione, è consigliabile consultare il veterinario.

Mettere il Microchip al cane ha controindicazioni?

Il Microchip per cani è generalmente considerato sicuro e ben tollerato dagli animali. 

Tuttavia, come con qualsiasi intervento medico o procedura, ci possono essere alcune controindicazioni o possibili effetti collaterali da prendere in considerazione, anche se ad essere onesti, non si verificano praticamente mai.

  1. In rari casi, potrebbe verificarsi un’eventuale infezione nel sito di impianto del microchip. Se noti segni di infezione, come arrossamento, gonfiore o secrezioni, consulta immediatamente il veterinario.
  2. In casi molto rari, il microchip potrebbe spostarsi leggermente dalla sua posizione originale. Se noti una protuberanza o una posizione insolita del microchip, consulta il veterinario.
  3. Raramente i cani possono manifestare una reazione allergica al materiale del microchip o agli anestetici utilizzati durante l’impianto. Se noti segni di reazione allergica, come eruzione cutanea, prurito o difficoltà respiratorie, consulta immediatamente il veterinario.

Cosa fare se il Microchip non si legge?

Occasionalmente, potrebbe verificarsi una difficoltà nella lettura del microchip con i lettori appropriati. Questa rara situazione potrebbe essere dovuta a un malfunzionamento del microchip stesso o a un problema tecnico con il lettore. 

Se non riesci a leggere il microchip contatta il veterinario o l’organizzazione del registro dei microchip per ulteriori assistenza.

furto cane con microchip

Posso mettere il Microchip a un cane con il tatuaggio?

No, non si può, a meno che il tatuaggio in essere non sia illeggibile. Poiché sono trascorsi parecchi anni da quando l’identificazione con il tatuaggio è stata sospesa, difficilmente si presenterà questo problema.

Ma se il cane ha il tatuaggio e si legge correttamente sarà quella la sua carta d’identità, e non un nuovo Microchip.

Se muore un cane con il Microchip cosa bisogna fare?

Se muore un cane con il Microchip è importante agire prontamente, per evitare di incorrere in multe salate per la mancata notifica.

  1. Informa il tuo veterinario della morte del cane. Potrebbero essere necessarie informazioni aggiuntive, come la data e la causa della morte, per il loro registro interno.
  2. Contatta il registro nazionale o locale in cui il cane è stato registrato e comunica loro la morte dell’animale, così da provvedere alla cancellazione del microchip in archivio.

A quanto pare, risulta che alcuni registri possano richiedere la restituzione del Microchip per motivi di sicurezza e per impedirne un uso improprio.

Ma onestamente, poiché il Microchip non ha un forte potere inquinante, non ha mai sentito che questa regola sia stata applicata, né che siano stati stati estratti i dispositivi per farne ulteriore uso.

Una volta registrato il decesso del cane con Microchip potrai semplicemente decidere come desideri gestire le spoglie del tuo amico. 

Puoi scegliere di seppellire il canecon il Microchip in un luogo appropriato o di optare per altre opzioni come la cremazione. Puoi anche considerare la possibilità di conservare le ceneri del cane in un’urna commemorativa.

Mi hanno venduto un cane senza Microchip, cosa faccio?

Se il cane ha più di due mesi dovrebbe essere venduto con il Microchip, ma se il tuo cucciolo ne è sprovvisto recati dal veterinario e fallo registrare subito, o potresti ricevere una multa salata.

Se hai comprato il cane da un amico e non hai nessun documento di vendita parlane con il tuo veterinario, ti aiuterà sicuramente a risolvere velocemente il problema.

Ho trovato un cane con Microchip abbandonato, cosa devo fare?

Se hai trovato un cane con un microchip e sospetti che sia stato abbandonato, è importante prendere alcune misure per garantire il benessere e la sicurezza dell’animale.

Prima di tutto:

Verifica il microchip: Porta il cane da un veterinario o presso un’organizzazione locale che possa leggere il microchip e identificare il proprietario registrato.

Successivamente:

  1. Contatta il proprietario registrato: Se il microchip è registrato e contiene le informazioni del proprietario, contatta immediatamente il proprietario e informalo che hai trovato il cane. 
  2. Fornisci tutte le informazioni pertinenti, come la tua posizione e le circostanze in cui hai trovato il cane. 
  3. Segui le indicazioni del proprietario su come procedere.
  4. Se il proprietario non può essere contattato: Se non riesci a contattare il proprietario registrato o se il proprietario non si fa avanti nel tempo stabilito, potresti voler contattare un rifugio per animali o un’organizzazione locale per segnalare il cane smarrito e richiedere ulteriori istruzioni.
  5. Documenta le tue azioni: Tieni traccia di tutti gli sforzi che hai fatto per contattare il proprietario e cercare una soluzione per il cane, nel caso in cui si renda necessario coinvolgere le autorità o dimostrare che hai agito in modo responsabile.

E ovviamente, se ne avessi la possibilità, considera l’opzione di adottare il cane oppure di fare qualche ricerca tra amici e conoscenti per vedere se qualcuno volesse regalare al trovatello una nuova famiglia felice.

In ogni caso, è consigliabile contattare le autorità locali o le organizzazioni per la protezione degli animali per ottenere ulteriori indicazioni e informazioni specifiche sulla legislazione e sulle procedure da seguire nella tua zona.

Ho trovato un cane con Microchip, posso tenerlo?

Se hai trovato un cane con un microchip e nessun proprietario registrato può essere contattato oppure se l’attuale intestatario rinuncia ai diritti sul cane, potresti considerare l’opzione di tenerlo. 

Meglio però verificare le leggi locali sulle procedure per i cani smarriti o abbandonati nella tua zona. 

In alcune giurisdizioni, potrebbe essere necessario segnalare il cane alle autorità locali o alle organizzazioni per la protezione degli animali prima di poterlo tenere o adottare.

Posso disattivare il Microchip del cane?

No il Microchip del cane non si può disattivare o spegnere. E’ un dispositivo passivo che funziona grazie all’energia fornita dal lettore quando viene scansionato. Non ha un interruttore di accensione o spegnimento.

E il microchip non si può nemmeno smagnetizzare o estrarre, a meno che non ci siano ragioni legate alla salute del cane, caso in cui sarà il veterinario di fiducia a provvedere all’estrazione.

Posso localizzare un cane con Microchip se è stato rubato?

Purtroppo no, in quanto il Microchip sottocutaneo non è provvisto di tecnologia GPS. Serve soltanto a rintracciare il proprietario in caso di smarrimento e ritrovamento dell’animale, e non in caso di furto del cane.

Se il tuo cane ha una forte tendenza alla fuga meglio acquistare un Localizzatore GPS per cani.

Come capire se un cane ha il Microchip?

Per verificare se un cane ha un Microchip, è necessario utilizzare un lettore di microchip.

Se hai il sospetto che un cane abbia un Microchip ma non sei sicuro porta il cane da un veterinario, che farà la verifica con un lettore specifico.

Altri articoli che potrebbero interessarti

Perché i cani leccano i padroni? E’ solo affetto o anche stress?

Un naso eccezionale: guida completa al fantastico tartufo del cane

I cani sognano quando dormono? Entra nel mondo dei sogni di Fido!

Nota dell’autore

Invito tutti i lettori a condividere la loro esperienza su questo argomento nella sezione dei commenti. 

Qualunque informazione che vorrete condividere su salute, carattere, prodotti e consigli sull’educazione o sulla dieta ci aiuteranno a creare una grande community di padroni che non solo amano i cani, ma che sanno anche come gestirli al meglio.

Dallo Staff di Khani.it

Se questo post ti è stato utile e vuoi saperne di più sulla cura, sul benessere e sull’educazione del cane saremo felici di aiutarti. Trova qui tante informazioni utili per capire al meglio il tuo amico del cuore.

Disclaimer

Le informazioni riportate nel nostro sito sono di carattere generale e non sostituiscono in alcun modo il parere del veterinario o di esperti di settore. Per qualunque dubbio rivolgiti sempre al veterinario.

incrocio yorkshire barboncino: guida completa con tante informazioni su aspetto, carattere, salute, alimentazione, addestramento e toelettatura.Cani Piccoli
Novembre 20, 2023

Incrocio Yorkshire Barboncino: eleganza e affetto in taglia mini

Incrocio Yorkshire Barboncino: eleganza e affetto in taglia mini L'incrocio tra lo Yorkshire Terrier e il Barboncino, anche chiamato Yorkipoo, è un connubio di grazia e dolcezza, che unisce due…
Otite del cane: scopri le cause, i sintomi e le soluzioni per questa fastidiosa condizione.Guide Utili
Novembre 14, 2023

L’otite del cane: una condizione da non sottovalutare

L’otite del cane: una condizione da non sottovalutare L’otite del cane è una delle condizioni più comuni e problematiche per i nostri amici a quattro zampe.  Se il tuo fedele…
guida completa all'Australian Terrier: storia, aspetto, carattere, salute, alimentazione e toelettaturaCani Piccoli
Novembre 12, 2023

Australian Terrier: l’originale cugino Australiano dello Yorkshire

Australian Terrier: l’originale cugino Australiano dello Yorkshire L'Australian Terrier è un cane di piccola taglia che ricorda un po’ lo Yorkshire, con cui condivide l’aspetto generale, ma dal quale si…

Leave a Reply